POESIE in vari DIALETTI italiani

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mar Ott 04, 2011 1:53 pm


Totò 'a livella

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei ****ento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,o turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu ****o?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"


Ultima modifica di Anja il Mer Ott 05, 2011 6:57 pm, modificato 1 volta
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mar Ott 04, 2011 1:57 pm


ROMA di GIOSUE' CARDUCCI

Roma, ne l'aer tuo lancio l'anima altera volante:
accogli, o Roma, e avvolgi l'anima mia di luce.

Non curïoso a te de le cose piccole io vengo:
chi le farfalle cerca sotto l'arco di Tito?

Che importa a me se l'irto spettral vinattier di Stradella
mesce in Montecitorio celie allobroghe e ambagi?

e se il lungi operoso tessitor di Biella s'impiglia,
ragno attirante in vano, dentro le reti sue?

Cingimi, o Roma, d'azzurro, di sole m'illumina, o Roma:
raggia divino il sole pe' larghi azzurri tuoi.

Ei benedice al fosco Vaticano, al bel Quirinale,
al vecchio Capitolio santo fra le ruine;

e tu da i sette colli protendi, o Roma, le braccia
a l'amor che diffuso splende per l'aure chete.

Oh talamo grande, solitudini de la Campagna!
e tu Soratte grigio, testimone in eterno!

Monti d'Alba, cantate sorridenti l'epitalamio;
Tuscolo verde, canta; canta, irrigua Tivoli;

mentr'io da 'l Gianicolo ammiro l'imagin de l'urbe,
nave immensa lanciata vèr' l'impero del mondo.

O nave che attingi con la poppa l'alto infinito,
varca a' misterïosi liti l'anima mia.

Ne' crepuscoli a sera di gemmeo candore fulgenti
tranquillamente lunghi su la Flaminia via,

l'ora suprema calando con tacita ala mi sfiori
la fronte, e ignoto io passi ne la serena pace;

passi a i concilii de l'ombre, rivegga li spiriti magni
de i padri conversanti lungh'esso il fiume sacro.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:15 pm


Sòura un cafèlatt
Andiamo in caffè della povera gente




Originale
Andéma t'un cafè dla póra zénta
in do ch'i zènd i furminènt te méur
a fè do ciacri sòura un cafèlatt,
a déi ch'l'è chèld, ch'l'è bón, che fa par néun.

Géma ch'a s sém vést la préima vòlta in tranv
o t'un cantòun dl'America de' Sud,
che la tu gata mórta tònda e' còll
s'l'udòur ad péss de' póri Cantarèll,
l'éra una vòulpa nira da ****èssa.

Sòta di lóm ch'l'è mélarènzi ròssi
lòt lòt, lòt, lòt, cmè bés-ci da mazèll,
andéma a fe do ciacri t'un purtòun
e géma ch'a s vlém bén, ch'l'è bèll, ch'l'è tótt.


Versione italiana
dove accendono i fiammiferi sul muro
a far due chiacchiere sopra un caffelatte,
a dir che è caldo, che è buono, che fa per noi.

Diciamo che ci siamo visti la prima volta in tram
o in un angolo dell'America del Sud,
che la tua gatta morta attorno al collo
con l'odore di piscio del povero Cantarèl
era una volpe nera da contessa.

Sotto lampadine che sono arance rosse
pian piano, pian piano, come bestie da macello
andiamo a far due chiacchiere sotto un portone
e diciamo che ci vogliamo bene, che è bello, che è tutto.

Antonio Guerra
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:17 pm


Maribella

Questa poesia è scritta in Piemontese Valsesiano.


Ël parlé d’an ca


Ël parlé d’an ca
Ant ël boom ëd j’agn sessanta
j’hin pensà ij neust genitor
dë parlene an italian
për fé pròpio come ij sior.

J’hin dacc vìa la tàula ëd bosch
ch’l’era vègia e gamolà
për catela pussè bèla,
facia an serie ëd compensà.

E cola vègia chërdensa
ch’l’era pin-a ëd bej ricòrd
l’è lassaghe ël pòst a n’àuta
bianca e frëggia ‘me la mòrt.

Ma scondù antë coj tirèit
tra na lëttra e na mistà
j’hin tracc vìa – a l’è ben gròssa -
ël neust bel parlé d’an ca.

Anca a scòla guaj a dì
na paròla an piemontèis,
e l’è ‘nsì ch’j’hin dësrassalo
ch’j’hin strupane ‘l nòste rèis.

“Il dialetto non è fine”,
al va ben për monge ò tonde,
tucc lavor ch’i foma più,
e i soma butalo sconde.

L’è la lengua che ij neust vegi
j’hin parlà tuta la vita
d’ant la cun-a fin la mòrt
quì ant la nòsta patria pita

J’han giugà, j’han namorasse,
j’han crëssù mate e mataj
j’han rusà, ruscà, arposasse,
j’han sarà ij seuj eugi stràich.

‘dess più anciun l’è bon parlelo
coè i voroma mai pretende
el neust car e bel parlé
a l’è un sòd ch’as po’ più spende.

Trist destin col dël Piemont,
ch’a l’è facc l’Italia unìa:
për la paga a l’è rivaghe
ch’la soa lengua a l’è sparìa
L’è un po’ tard ma domse n’andi
tucc ansema, cireseuj
për salvé la nòsta lengua
‘gh va ch’i s’anviaroma ancheuj

Son sicur, ch’a-gh sarà un nòno,
ch’l’abia a còr ël neust dialet,
e ch’al cerca dë mostreglo
al nëvod, ch’lè un matalet.

‘Gh va parlelo sël lavor
sensa gena an pòsta, an banca,
se quaidun lo capiss not
gh’lo mostroma, coè ch’an manca?

Peui butomse ant la ciarfola
ch’i soma tucc valsesian
Ij neust creus van tucc an Sesia
‘n’ava sola al Pò lontan.

E che ël fium dla nòsta Val
prima dë rivé ant la pian-a
pòssa anco’ sente ël parlé
ëd la soa gent valsesian-a



Traduzione in italiano

Il parlare di casa
Nel boom degli anni sessanta
hanno pensato i nostri genitori
di parlarci in italiano
per fare come i signori

Hanno dato via il tavolo in legno
che era vecchio e un po’ tarlato
per comprarselo più bello
fatto in serie, in compensato

E quella vecchia credenza
che era piena di bei ricordi
ha lasciato il posto a un’altra
bianca e fredda come la morte.

Ma nascosto in quei cassetti,
tra una lettera e un santino
hanno buttato – è ben grossa! –
il nostro bel parlare di casa.

Anche a scuola guai a dire
una parola in piemontese
ed è così che l’hanno estirpato
che ci hanno strappato le radici.

Il dialetto non è fine
va bene per mungere o tosare le pecore
tutti lavori che non facciamo più
e lo abbiamo messo da parte.

E’ la lingua che i nostri vecchi
hanno parlato tutta la vita
dalla culla fino alla morte
qui nella nostra patria piccola.

Hanno giocato, si sono innamorati,
hanno cresciuto figlie e figli,
hanno litigato, lavorato, si sono riposati,
hanno chiuso gli occhi stanchi.

Più nessuno ormai lo parla,
cosa vogliamo pretendere?
Il nostro caro e vecchio parlare
È una moneta fuori corso.

Triste destino quello del Piemonte,
che ha fatto l’Italia unita,
per ricompensa gli è successo
che la sua lingua è sparita.
E’ un po’ tardi, ma diamoci da fare
tutti insieme, Valsesiani,
per salvare la nostra lingua
dobbiamo iniziare già da oggi.

Sono sicuro che ci sarà un nonno,
che abbia a cuore il nostro dialetto,
e che cerchi di insegnarlo
al nipote, che è un bambino.

Bisogna parlarlo sul lavoro,
senza vergogna, in posta, in banca,
se qualcuno non lo capisce,
glielo insegniamo, che ci manca?

Poi mettiamoci in testa
che siamo tutti Valsesiani:
i nostri ruscelli vanno tutti in Sesia
e una sola acqua al Po lontano.

E che il fiume della nostra valle,
prima di arrivare giù alla piana,
possa ancora sentire il parlare
della sua gente valsesiana.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:18 pm


Sweet


dedicatoalle nonne..... soprattutto alla mia.... la nonna milla



A la mia nòna...

Se ghé pensi
me vegn anmó el magón, la malinconìa,
quèla che la te fá suspirá.
Me regordi: eren i dii di quand seri belìn,
(inscì la me ciamava la mia nòna) ,
quìi di "pigott"
quìi di "Crapa pelada"
e tùcc i alter fiáa
che me faseven sbarlusìss i oeùcc.
La mia nòna
l'era settàda gió in de la cadréga
**** mí in bràsc
che ve bevevi dii soeù labr
e lée che la me ****àva sú i filastrocc...
el temp l'è anmó quel,
el temp di Anim affiatáa.
Gh'avevi minga besògn
di tùcc i gioeùgh tecnologic,
l'era assée lée
**** el calor del so affetto
e quel rito magic
el pussée potént di tucc i alter
ch'el me scaldava el coeùr.





traduzione:


alla mia nonna


se ci penso
mi viene ancora il magone, la malinconia
quella che ti fa sospirare
mi ricordo: erano i giorni in cui ero un "belin"
(così mi chiamava la mia nonna)
quei giorni delle "pigotte"
quei giorni del "Crapa Pelada"
e tutte le altre filastrocche
che mi facevano luccicare gli occhi.
la mia nonna
era seduta sulla sedia
con me in braccio
che bevevo dalle sue labbra
e lei mi raccontava le filastrocche
il tempo è ancora quello
il tempo delle Anime affiatate.
non avevo bisogno
di tutti i giochi tecnologici
era abbastanza lei
con il calore del suo affetto
e quel rito magico
il più potente di tutti gli altri
che mi scaldava il cuore.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:19 pm


Maribella


Un ricordo degli anni passati, che non torneranno più. Dialetto di Gozzano (NO)


Dialetto: Piemonte

Malincunia



Ogni tönt l’è bél rigurdaa al témp pasà, al témp che ormai l’è nàcc via.
Di vòlti però, ti vè giü at muràl, at vögn döss önca na grön malincunia.
Malincunia par cüi vintàgn ch’in piü dumà un sögn, un rigòrd, ch’in pasè.
Malincunia par cüi vintàgn insì da luntön e che dèss purtröp in triplichè.
Malincunia par i béi mumént pasè, cönd tè truvà na matàsciöta, na mània,
o da cönd ti ghè mia bijü al curàcc da faat vanti e n’àut t’là züfaa, t’là purta via.
Malincunia par cüi batacoor, par cüi giroogn da testa, par cùli mögn südai,
par i puntèi, par un cùai ciò, i’àmisi bütai suta, i scüsi invantai.
Malincunia par i giöog, i schèrz, par tüti i scimai, i balusai fàci cùm i töi amiis,
par tücc cüi béi mumént, pasè in cumpagnia, sönza fastidi, pasè a divartiis.
Malincunia par tüti cùli ròbi che ti avrési vurü faa e che invéci tè mia fàcc.
Malincunia e ràbia, parchè dèss l’è tard, l’è tröpp tard e al témp l’è nàcc.
Malincunia e nustalgia par cùli paroli che ti avrési vurü dii e invéci tè mai dìcc;
dèss ti pénsi la ciùla che ti sè stàcc, cuus tè pèrs a staa citu, pòvar burich.
Malincunia e tristoza par cùl che ti avrési pudü daa, e che invéci tè mai dàcc,
na mön, na caröza, un bàsin, na bóna paròla, n’àiüt, ma tè mai truvà al curàcc.
Malincunia, tristöza, nustàlgia par un témp nàcc, un témp c’al vögn indré piü.
Cùl c’lè stàcc l’è stàcc, magona piü. Viv bögn cùl ca’t rèsta e pénsaag piü.



Malinconia

Ogni tanto è bello ricordare il tempo passato,
il tempo che oramai è andato via.
A volte però vai giù di morale, ti viene addosso una grande malinconia.
Malinconia per quei venti anni che sono solamente un sogno, un ricordo, che sono passati.
Malinconia per quei venti anni così lontani e che adesso sono triplicati.
Malinconia per i bei momenti passati, quando hai trovato la ragazzina, la fidanzatina o di quando non hai avuto il coraggio di farti avanti e un'altro te la portata via.
Malinconia per quei batticuore, per quei capogiri, per quelle mani sudate, per gli appuntamenti, per qualche fregatura, l'aiuto delle amiche, le scuse inventate.
Malinconia per i giochi, gli scherzi, per tutte le scemate, le balordaggini fatte con i toui amici, per tutti i bei momenti passati in compagnia a divertirsi.
Malinconia per tutte quelle cose che avresti voluto fare e che invece non hai mai fatto.
Malinconia e rabbia perchè adesso è tardi, troppo tardi e il tempo se nè andato.
Malinconia e nostalgia per quelle parole che avresti voluto dire e che invece non hai mai detto; adesso pensi il coglione che sei stato, cosa hai perso a stare zitto povero somaro.
Malinconia e tristezza per quello che avresti potuto dare e che invece non hai mai dato; una mano, una carezza,un bacio, una buona parola, un'aiuto, ma non hai mai trovato il coraggio.
Malinconia e tristezza, nostalgia per un tempo andato, un tempo che non tornerà più.
Quello che è stato è stato, non rimuginare più.
Vivi bene il tempo che ti rimane e non pensare più.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:20 pm

La Nustalgia

La nustalgia l'è che la roba che te ciapa all'impruis
quant te ghe i cavèi sul gris,
quant te se fermet a pensà ai temp indre ai temp andà.
Quant te se rivedet picinin cun i calsun curt e scusarin,
quant te penset a tua mama che te svegliava a la matina,
e dopu di un'urasiun la te preparava la culasiun.
Quant te penset ai amis de giuentu,
che in andà via e turnen pu.
Quant te penset al to vècc paes, circundà da tanti pra
cun i paisan a restelà.
E dopu un di de laurà se pasava i ser a ciciarà.
E se te vedet che i ann pasen e vulen via,
viv el to temp in alegria e fass no ciapà da la nustalgia.

LA NOSTALGIA

La nostalgia è quella cosa che ti prende all'improvviso
quando hai i capelli sul grigio,
quando ti fermi a pensare ai tempi indietro ai tempi andati.
Quando ti rivedi piccinino con i calzoni corti e grambiulino,
quando pensi a tua mamma che ti svegliava la mattina,
e dopo un'orazione lei ti preparava la colazione.
Quando pensi agli amici di gioventù,
che sono andati via e non tornano più.
Quando pensi al tuo vecchio paese, circondato da tanti prati
con i paesani a rastrellare.
E dopo un giorno di lavoro si passavano le sere a chiacchierare.
E se vedi che gli anni passano e volano via,
vivi il tuo tempo in allegria e non farti prendere dalla nostalgia.

Franco Pasqualini (Baranzate)
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:21 pm


Sweet


Al mè amis Pieraldo...

Pròpi adèss ch'hinn adree a mettet sòtt-terra,
che te m'hee lassaa chì tutt magonent,
me par de rivedett dedree del banch,
che te voset con quei che capiss nient;
me par de rivedett a questionà
intanta che te penset: "Pòra cà!"

Te vedi col penser e cont el coeur,
te vedi con amor e con mestizia
pensand e ripensand come me doeur
l'avè perduu oramai la toa amicizia;
te vedi semper come s'el fuss adess
Quand te m'hee dii dal banch: "Ciao Menichètt!"

e finchè saroo bon anmò de ragionà
e gh'avaroo el cervèll anmò on poo avert,
te cercaroo.... e voraroo parlàtt...
te tegnaroo in del coeur, ti stann pur cert,
me sfogaroo con ti de la mia gran pigrizia,
per vegh, amò de tì, grinta e letizia!


traduzione:

al mio amico Pieraldo


proprio adesso che stanno mettendoti sottoterra
che mi hai lasciato qui tutti immagoniti
mi sembra di rivederti dietro al banco
che urli con quelli che nn capiscono niente
mi sembra di rivederti discutere
intanto che pensi: povera casa!
ti vedo col pensiero e con il cuore
ti vedo con amore e con mestizia
pensando e ripensando a come mi duole
l'aver perduto ormai la tua amicizia
ti vedo sempre come se fosse adesso
quando mi hai detto dal banco: ciao menichetti!
e finchè sarò ancora capace di ragionare
e avrò ancora il cervello un pò aperto
ti cercherò.....e vorrò parlarti
ti terrò nel cuore, tu stanne pur certo
mi sfogherò con te della mia gran pigrizia
per avere, ancora di te, grinta e letizia!
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:22 pm


Maribella

Grazie mama
Dialetto di Gozzano (NO) Piemonte


Grazie màma;
che ti mè bütà al mùnd.
Grazie màma;
che ti m’è tirà grönd ùnèst, mia vàgabùnd.
Grazie màma;
che ti m’è dàcc tüt al tö amor.
Grazie màma;
dal prùfùnd dal mé coor.
Grazie màma;
parchè al mùmént giüst, ti m’è dàcc na sgiàfaa.
Grazie màma;
par cüi cinc didi, chi mön jutà a crösa, a màruvaa.
Grazie màma;
par tüt cùl ché par mì t’è fàcc.
Grazie màma;
par tüt cùl che ti m’è dàcc.
Grazie màma;
che tè dùvü faam önca da pà.
Grazie màma;
parchè al pòst dal nöst Cichin tè dùvü ciapaa.
Grazie màma;
ti glè fàcia, ma l ’è stàcia na fadiga.
Grazie màma;
parchè ti sévi che’l pà d’in’àut t’fàva da guida.
Grazie màma;
önca par lüi, c ’lè nàcc in cél un po’ tröp pröst.
Grazie màma;
t ’lù disarà önca lüi, dèss, chi si ’nsöma in dà stèss pòst.
Grazie màma;
par l ’armùnia, la ligria, ché sibögn füdésan pòvar, ghèva in la nòsta cà.
Grazie màma;
parchè sévan pòvar ma scióri, scióri at felicità.
Grazie màma;
par tüt cùl che t’è sémpra fàcc, par tücc cüi chi ghévan da bisögn.
Grazie màma;
t ’sé mai tiraa indrè, sémpra prùnta, önca a pèrda óri at sögn.
Grazie màma;
par véé cürà fin a l’ültim al mé e al tö Cichin.
Grazie màma;
par lüi, c ’la mai vùrü sàvégan da naa l’ùspidàl, dumà ti ’t vùréva visin.
Grazie màma;
che vòja da daat un bàsin e na strinsgión.
Grazie màma;
cùm tüt al coor, dal tö sciücón.



Grazie mamma;
che mi hai messo al mondo.
Grazie mamma;
che mi hai cresciuto onesto, non vagabondo.
Grazie mamma;
che mi hai dato tutto il tuo amore.
Grazie mamma;
dal profondo del mio cuore.
Grazie mamma;
perchè al momento giusto, mi hai dato
uno schiaffo.
Grazie mamma;
per quelle cinque dita, che mi hanno
aiutato a crescere, a maturare.
Grazie mamma;
per tutto quello che per mè hai fatto.
Grazie mamma;
per tutto quello che mi hai dato.
Grazie mamma;
perchè hai dovuto farmi anche da papà.
Grazie mamma;
perchè il posto del nostro Cichin hai
dovuto prendere.
Grazie mamma;
ce l'hai fatta, ma è stata una fatica.
Grazie mamma;
perchè sapevi che il papà dall'alto
ti guidava.
Grazie mamma;
anche per lui, che è andato in cielo troppo presto.
Grazie mamma;
te lo dirà anche lui, ora che siete assieme nello stesso posto.
Grazie mamma;
per l'armonia, l'allegria che sebbene
fossimo poveri, c'era nella nostra casa.
Grazie mamma;
perchè eravamo poveri, ma ricchi, ricchi di felicità.
Grazie mamma;
per tutto quello che hai sempre fatto
per tutti quelli che avevano bisogno.
Grazie mamma;
non ti sei mai tirata indietro, sempre pronta anche a perdere ore di sonno.
Grazie mamma;
per avere assistito fino all'ultimo il mio e il tuo Cichin.
Grazie mamma;
per lui che non ha mai voluto saperne di andare in ospedale, solo te voleva vicino.
Grazie mamma;
che voglia di darti un bacio e un forte abbraccio.
Grazie mamma;
con tutto il cuore dal tuo zuccone.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:23 pm


Fra_to

DOI EUJ

Doi euj am vardo 'nt ël përfond
A l'han sagname 'l cheur.
Doi làver ross a l'han dime dosman
N'argret ch'i sai mach mi.
Un sorch dël tò përfum ant l'aria ciàira
L'ha ciosioname pian Mai pì

DUE OCCHI
Due occhi mi guardano nel profondo
mi hanno fatto sanguinare il cuore.
Due labbra rosse mi hanno detto dolcemente
un segreto che so solo io.
Un solco del tuo profumo nell'aria chiara
mi ha sussurrato piano
Mai più
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:24 pm


Chiarall

A natûa
De baxaicò sarvægo,
nasce o cösto, nell'orto,
sötto a-o figo.
Nisciün l'ha misso,
nisciün ghe dâ dell'ægua,
ma ancön l'è lì,
sempre ciù bello, ödôso.
Comme i figgiêu descäsi
che vegnân sciù da söli,
forti, sensa 'na mouttìa.
Quarche vòtta mi penso
che dâse tanto affanno
ne fà perde raxön e tempo.
Saiéva mëgio ammiâ de ciù a natûa
e d'ëse a-o möndo,
un pittin ciù contenti.
Rivarola di Carasco (Ge) 2003


La natura
Di basilico selvatico,
nasce un crespo, nell'orto,
sotto al fico.
Nessuno l'ha messo
nessuno gli dà dell'acqua,
ma ancora è lì,
sempre più bello, odoroso.
Come i bambini scalzi
che crescono da soli,
forti, senza una malattia.
Qualche volta io penso
che darsi tanto affanno
ci fa perdere ragione e tempo.
Sarebbe meglio guardare di più la natura
e d'essere al mondo,
un pochino più contenti.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:26 pm


Sweet

Car, el mè Milan

Passen i mes e passen anca i ann
e i milanes hinn chì pien de vergògna
che paren soffegaa dent in del ruff,
in mezz al fumm e mur tutt spegasciaa.

Gh'è pù de bei maner in di contrad
e quell che me dispias an'mò pussee
se parla nanca pù 'me i nòster vecc.

I nòster ca gh'hann pù la pòrta verta
adess hinn pien domà de cadenazz.

Gh'è pù in de l'aria tanta bella cera
e stemm saraa in di ca quand ven la sera.

I nòster giardinett ciamen i mamm,
cerchen i gioeugh di fioeu,
cerchen i morositt
che se brasciaven-sù pien de speranz,
ma gh'è domà siringh sòtt ai banchett.

Semm minga chì a morì de nostalgia
ma nanca per spettà on'agonia.

Ma prima an'mò che vegna giò la nòtt
se pò combatt per minga scomparì.

El nòster Sant Ambroeus in di ritratt
el gh'ha ona frusta sollevada in man,
speremm che le dopera a fà capì
che i milanes hinn bon ma nò ... indorment.



traduzione:

cara, la mia milano


passano i mesi epassano anche gli anni
e i milanesi sono qui, pieni di vergogna
che sembrano soffocare nell'immondizia
in mezzo al fumo ed ai muri tutti scarabocchiati

nn ci sono più le buone maniere nelle strade
e quello che mi dispiace ancora di più
nn si parla nemmeno più come i nostri vecchi

le nostre case nn hanno più la porta aperta
adesso sono solo piene di catenacci

nn c'è più nell'aria la salute
e stiamo chiusi in casa quando viene sera

i nostri giardinetti chiamano le mamme
cercano i giochi dei bambini
cercano i fidanzatini
che si abbracciavano pieni di speranze
ma ci sono solo siringhe sotto le panchine

nn siamo qui a morire di nostalgia
ma nemmeno per aspettare un'agonia

ma prima ancora che scenda la notte
si può combattere per non scomparire

il nostro sant'ambrogio nei dipinti
ha una frusta sollevata in mano
speriamo che la usi per far capire
che i milanesi sono buoni, ma non.... addormentati.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:27 pm



Aldo Fabrizi

L'INVITO


Nun m'aricordo bene in che paesetto,
quanno che mòre un capo de famìa,
er parentado je fà compagnia,
facenno un pranzo intorno ar cataletto.

La tradizione vò che 'sto banchetto,
preparato durante l'agonia,
se faccia, senza tanta ipocrisia,
cor medico, cor prete e'r chirichetto.

Doppo li pianti la famìa se carma
e ar punto che la pasta viè servita,
se brinda a la salute della sarma.

Poi c'è l'invito pe' nun faje un torto
e si a st'invito nun ritorna in vita,
significa ch'er morto è propio morto.




L'INVITO (in Italiano)


Non mi ricordo bene in che paesino,
quando muore un capofamiglia,
il parentado gli fà compagnia,
facendo un pranzo intorno al catafalco.

La tradizione vuole che questo banchetto,
preparato durante l'agonia,
si faccia, senza tanta ipocrisia,
col medico, col prete e il chierichetto.

Dopo i pianti la famiglia si calma
e al momento in cui la pasta viene servita,
si brinda alla salute della salma.

Poi c'è l'invito per non fargli un torto
e se a quest'invito non ritorna in vita,
significa che il morto è davvero morto.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:28 pm




Maribella


Son perdume 'nt na...

E' il boom delle rotonde: ovunque, anche dove non passano che pochi ciclisti ci ficcano una rotonda.Questo stranot è dedicato ad un amore nato in una rotonda.


Dialetto: Piemonte

Son perdume 'nt na rotonda
ant j'eui bleu 'd na bela bionda.
Son lassame cojoné....

Mangio nen per sta morfela.
Neuit e dì son lì a sognela.
L'ha robà ij mè pensé

Giro giro me na sfera
son ficame 'nt na galera
e continuo a deperì.

Con el soris ed la Gioconda
cola bela vagabonda
l'ha ancantame 'me 'n pipì.

Son cascaije 'me 'n balengo
e per nen andé a ramengo
per salveme son scapà.

Ma l'é inutil che me sconda:
tutt el mond l'é na rotonda
che an riporta a chila là.

Sarà fòrse na sartòira,
o magari na pentnòira,
Col sarà el sò mesté ?

Mi veui pà campeme an Dòira
mach per colpa 'd na pissòira !
son peui nen così beté.

Traduzione in italiano
Mi son perso in una rotonda
Mi son perso in una rotonda
negli occhi blu d'una bella bionda,
mi sono lasciato abbindolare.

Per quella donna non mangio più
la sogno giorno e notte
si è rubata i miei pensieri

giro e rigiro come una palla,
mi sono chiuso in una galera
e continuo a deperire

Con un sorriso alla "Gioconda"
quella bella vagabonda
m'ha incantato come un pulcino.

Ed io ci sono cascato come un pirla
e per non andare a ramengo
ho cercato di salvarmi fuggendo.

Ma il nascondermi è inutile:
tutto il mondo è una rotonda
che mi riporta a lei.

Sarà forse una sartina
o magari una parrucchiera
Quale sarà il suo mestiere ?

Non mi voglio suicidare
solo per colpa di una sciaquetta:
non sono poi cosi' idiota!
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:29 pm



Sweet

El vintinœuv de Magg 1176...

Stanòtt, per ona nòtt,
l’è festa granda.
L’è on vintinœuv de magg
de sògn e de miracol!
Tra el Lamber e l’Olòna,
sui bricch e vers la bassa,
cress el ciaror di stell,
pizzen i ciar in piazza.
Croccant, zuccher filaa, cavagn de gamber.
Fiolitt in spagoletta
per doggionà i pignatt ligaa su on fil
ch’el corr per i sagraa de Lombardia.
Domà per ona nòtt
la luna la desseda i nòster mòrt,
i vecc che senza ciaccer
hann faa la nòstra stòria cont i cai.
In di foppon, dedree di muradej,
s’ceppen i legn, se ciamen...
creppen el marmor frecc...
traversen i contrad, i fontanitt.
Riven de Lòd, Vares,
riva i lombard...
Ciamen a quej che incontren
la strada de Legnan.
e in d’ona nòtt de lus compagn de questa,
podeva nò mancà vun de Giussan,
de grinta scura e sciabola in di man.
Cress el fracass di zòccor...
gipp de fustagn e sòcch longh ’me la famm,
manden in l’aria fina di campagn,
odor de fen, de crosta de polenta...
...profumm de gent onesta.
Stanòtt, per ona nòtt,
vœuren vedè el leon, quell ch’el rampega;
vœuren cantà in la gesa de San Magn.
Cantemm in de la nòtt coi nòster vecc,
cantemm i sògn...
cantemm fin che ven ciar.

Ovvero...

Il ventinove di Maggio 1176

Questa notte, per una notte,
è festa grande.
È un ventinove maggio
di sogni e di miracoli.
Tra il Lambro e l’Olona,
sui monti e verso la bassa
cresce il chiarore delle stelle,
accendono le luci in piazza.
Croccanti, zucchero filato, ceste di gamberi,
bambini e cavalluccio
per adocchiare le pentole legate ad un filo
che corre per i sagrati di Lombardia.
Soltanto per una notte
la luna risveglia i nostri morti,
i vecchi che senza chiacchiere
han fatto la nostra Storia con i calli.
Nei cimiteri, dietro i muretti,
rompono i legni, si chiamano...
incrinano il freddo marmo,
attraversano le contrade, i fontanili.
Arrivano da Lodi, Varese...
arrivano i lombardi...
Chiedono a coloro che incontrano
la via per Legnano.
e in una notte di luce come questa,
non poteva mancare uno di Giussano,
con la faccia scura e la sciabola nelle mani.
Aumenta il rumore degli zoccoli...
Giacche di fustagno e gonne lunghe come la fame
mandano nell’aria fine delle campagne
odor di fieno, di crosta di polenta...
profumi di gente onesta.
Questa notte, per una notte,
vogliono vedere il leone, quello rampante:
vogliono cantare nella chiesa di San Magno.
Cantiamo nella notte con i nostri avi,
cantiamo i sogni...
cantiamo fino all’alba.



Questa stupenda Poesia parla della gente di Lombardia e descrive una pagina di Storia, che tutti a scuola abbiamo studiato:
Il 29 maggio 1176, quel Barbarossa che oltraggiò città di Milano, fu finalmente sconfitto a Legnano dall'unione dei Lombardi, uniti dal Giuramento di Pontida.
Anche oggi vi sono dei poveri personaggi, molto ma molto meno importanti del Barbarossa, che oltraggiano Milano imbrattandone i muri e... altro; e lo fanno nottetempo, come topi codardi...
Chissà se i Lombardi liberi ed onesti, come dice la poesia, anche solo "moralmente" uniti si ribelleranno come fu in quel glorioso, lontano giorno (almeno con carta e penna) contro il degrado civile e morale che ormai attanaglia Milano.
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:31 pm



Maribella

LA SÙRGÉNT

Vögn scià rinfriscaat,
in da la sùrgént
dal mé amoor.

Vögn scià scàscia la séed,
in da la sùrgént
dal mé amoor.

Vögn scià spiciaat, in l’acua ciàra,
da la sùrgént
dal mé amoor.

Vögn scià sénta i paroli chi bütan,
da la sùrgént
dal mé amoor.

Vögn scià fa pasaa i bùjóogn,
in da la sùrgént
dal mé amoor.

Vögn scià scaùda l’àcua,
da la sùrgént
dal mé amoor.

Dé nina, fàm capìi,
ma ti sé na fumna,
o ti sè la Fùntöna Sönta ?


Traduzione in italiano

LA SORGENTE

Vieni a rinfrescarti,
nella sorgente
del mio amore.

Vieni a dissetarti,
nella sorgente
del mio amore.

Vieni a specchiarti nell' acqua chiara,
della sorgente
del mio amore.

Vieni a sentire le parole che sgorgano,
dalla sorgente
del mio amore.

Vieni a spegnere i tuoi bollori,
nella sorgente
del mio amore.

Vieni a riscaldare l'acqua,
della sorgente
del mio amore.

Senti ragazza, fammi capire,
sei una donna
o sei la Fontana Santa?
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:33 pm



Dialetto: Lazio
‘N AMORE NOVO



Se dondola nonna
su la vecchia portrona
la schina ricurva
li capelli ormai griggi da l'anni

Trema la voce
mentre che canta
ar pupo piagnente
'na vecchia nenia

Ricorda que l'anni lontani
quanno sur còre
'na pupa strigneva
e l'istessa ninna cantava.

Ma stavorta è 'n amore diverzo
sicuro e maturo
perchè gnente è più sacro
de 'n erede de 'n fijio

Me guardo a lo specchio
e me vedo riflessa
mentre me stringo sur petto
'st'atteso nipote...
ancora nun nato!



Traduzione in italiano
Un amore nuovo


Si dondola nonna
sulla vecchia poltrona
la schiena ricurva
i capelli ormai grigi dagli anni

Trema la voce
mentre canta
al bimbo che piange
una vecchia nenia

Ricorda quegli anni lontani
quando sul cuore
una bimba stringeva
e la stessa nenia cantava

Ma stavolta è un anore diverso
sicuro e maturo
perchè nulla è più sacro
dell'erede di un figlio

Mi giardo allo specchio
e mi vedo riflessa
mentre stringo sul petto
quest'atteso nipote...
ancora non nato!
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:34 pm



Dialetto: Liguria

Cianto de çê


O me cazze sciù da faccia
(son sciù a stradda in bicicletta)
da-o çê o primo freido cianto
de in novembre grixio e secco.

Odô d’âegua e crisantemi
me galoppa de darrâe :
e mi a scappo in bicicletta
e-o chêu drento me se bagna
de-in contento de figgiêu.

Finalmente finalmente
me ritrêuvo tutto nêuvo
come tanto tempo fà!




Traduzione in italiano

Pianto del cielo


Mi cade (=cazze) sul viso
(sono per strada sulla bicicletta)
dal cielo il primo freddo pianto (=ciantu) di un novembre grigio e secco.

Profumo d’acqua e di crisantemi
galoppa dietro (=darrâe) me:
ed io scappo in bicicletta
ed il cuore mi si bagna dentro
di un contento fanciullesco.

Finalmente finalmente
mi ritrovo tutto nuovo
come tanto tempo fa!
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Anja il Mer Ott 05, 2011 1:37 pm


Nelle poesie che aggiungeremo, vi chiedo, dove è possibile, di inserire oltre al tipo di dialetto anche il nome dell'autore. Grassie! icon_smile_kiss
avatar
Anja
Admin

Messaggi : 2485
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 64
Località : Varese

http://amiciziemozioni.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE in vari DIALETTI italiani

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum